Le origini dell'universo

immagine

Bosone di Higgs,particella di Dio

Grazie al bosone di Higgs, ogni cosa ha una massa e la materia esiste così come la conosciamo. Un'ovazione ha accolto l'ingresso del fisico teorico Peter Higgs al Cern di Ginevra (dove è stato dato l'annuncio ufficiale). Lui fin dal 1964 aveva previsto l'esistenza del bosone.

Al Cern i ricercatori non hanno dubbi: 'E' la scoperta del secolo e si tratta chiaramente di una nuova particella che conferisce alle altre la propria natura'. In lacrime lo scienziato che aveva teorizzato quella che il mondo dei media ha etichettato come la "particella di Dio".  

Ma che cosa si intende effettivamente? si tratterebbe dell'ultimo mattone del quale la fisica contemporanea ha bisogno per completare la principale delle sue teorie, chiamata Modello Standard, una sorta di "catalogo della materia" che prevede l'esistenza di tutti gli ingredienti fondamentali dell'universo così come lo conosciamo.

Quando la particella attraversa il campo di Higgs, le altre particelle interagiscono fra loro, vengono rallentate dall'attrito, non viaggiano più alla velocità della luce e acquisiscono una massa.

Il Modello comprende 12 particelle elementari organizzate in due famiglie: i quark e i leptoni, che sono i veri e propri mattoni della materia (presenti nell'infinitamente grande, come nelle galassie, negli stessi esseri umani come nel mondo microscopico). Comprende inoltre una famiglia di altre 12 particelle, che sono i messaggeri delle tre forze della natura che agiscono nell'infinitamente piccolo (chiamate forza forte, elettromagnetica e debole).

Di queste particelle-messaggero fanno parte i componenti elementari della luce chiamati fotoni, e i gluoni, che sono la colla che unisce fra loro i mattoni della materia, come i quark nel nucleo dell'atomo. Tutti questi componenti della materia sarebbero inanimati senza una massa: è il bosone di Higgs che li costringe a interagire tra loro e ad aggregarsi.

Per usare il paragone usato dai media per spiegare ai più l'azione del Bosone basterà dire che quel che accade è simile a quando un personaggio famoso entra in una sala piena di persone, attirando intorno a sé gran parte dei presenti. Mentre il personaggio si muove, attrae le persone a lui più vicine mentre quelle che lascia alle sue spalle tornano nella loro posizione originale. Così semplice, così complesso.

Per saperne di più  > clicca qui

Visita gli archivi di Attualità

www.giornalesentire.it - Note legali - Riproduzione riservata

Commenta